Noi siamo fatti della stessa sostanza dei sogni... W. Shakespeare

sabato 15 settembre 2012

In Libreria: "LA COLONIA SOMMERSA" + "Recensione"

Cari lettori sembra che il mese di settembre, ricco come sapete di nuovissime uscite letterarie, sia testimone anche di una nuova  pubblicazione sul genere distopico, stavolta firmata Fazi Editori.
Il libro, titolo originale "Dark Life" di Kat Falls, e' stato nominato per diversi premi, ed e' ambientato in un futuro prossimo dove il riscaldamento globale ha causato un innalzamento degli oceani e quindi la quasi scomparsa della terra ferma e dove  l'uomo e' costretto a vivere negli sconfinati  abissi oceanici.
Ty, quindicenne, e' uno dei primi nati dei pionieri (coloro che abitano negli abissi), e' sempre vissuto nella fattoria dei suoi in fondo al mare e non ama particolarmente i Topsiders/Superni (i pochi abitanti della Terra), fino a quando non conosce Gemma alla ricerca di suo fratello scomparso. Insieme s'imbatteranno in loschi traffici illegali e oscuri esperimenti genetici. Avventura, azione, unito ad un pizzico di romanticismo non potranno che stregare noi lettori!

di
Kat Falls
Editore: Fazi
Titolo Originale: "Dark Life"
Pubblicazione: 7 settembre 2012
285 pag.
Prezzo: 9,90 euro

La ricetta di questo libro:
- Prendete l'oceano
- Aggiungete i pionieri del selvaggio west
- E come ingrediente segreto mettete una buona dose degli X-Men
Mescolate bene e...il romanzo e' pronto!

CONTENUTO:

Vita ScuroIn questo universo acquatico le abitazioni hanno la forma di gigantesche meduse attorno alle quali si estendono sterminate coltivazioni sottomarine; gli uomini, la cui pelle emana uno strano bagliore, si nutrono di piccoli pesci luminescenti, hanno riserve di ossigeno liquido per respirare sott’acqua e nuotano fasciati in avveniristiche tute idrorepellenti, spostandosi a bordo di rapide vetture. È qui, tra le profondità oceaniche, che Ty Towson è nato e cresciuto, ma quando incontrerà Gemma, una ragazza che viene dal mondo emerso in cerca di suo fratello scomparso in mare, la sua vita diventerà improvvisamente più complicata. Insieme, Ty e Gemma dovranno affrontare pericolose creature e avventurarsi in remote città lungo frontiere sommerse. Più scenderanno tra i fondali più scopriranno oscuri segreti che nemmeno il mare riuscirà a nascondere.

L'AUTRICE:


Kat del Niagara
Kat Falls vive a Evanston, Illinois. Ha conseguito un Master in sceneggiatura presso la Northwestern University, dove insegna. Può vantare al suo attivo ben quattro opere opzionate da registi indipendenti e un contratto con la Disney per la scrittura di una sceneggiatura originale. Lei stessa ha scritto e diretto un piccolo film indipendente.


Sito ufficiale: "qui"

COMMENTI:

«Un’affascinante miscela di ingredienti classici ambientata in una delle frontiere ancora inesplorate: il mare». 
Kirkus Reviews

«Terrà i lettori incollati alle pagine». 
Booklist

LA SERIE:

- Dark Life (maggio 2010) - "La Colonia Sommersa" (settembre 2012)
- Rip Tide (agosto 2011) - inedito
- a seguire

RECENSIONE: 


In questo libro non si ha tempo per pensare, sin dalle prime pagine si e' subito catapultati in una nuova terra dove il fondo degli abissi diventa la propria casa, con tutto ciò che questo comporta.

La voce narrante e' del protagonista Ty, primo nato dall'insediamento nel Dominio Bentonico.

Ma cominciamo dall'inizio: in una realtà, forse neanche troppo lontana da una probabile verità, il surriscaldamento globale ha portato all'innalzamento del livello degli oceani con la conseguente riduzione del più del 20 per cento della terra emersa; in questo paesaggio post apocalittico l'unica soluzione alla mancanza di spazio sembra la colonizzazione dei fondali marini.

E da questo ci si ritrova in una storia che ha dell'incredibile, fattorie costruite sott'acqua per l'allevamento e la coltivazione di generi di sostentamento, particolari mezzi di trasporto, una Stazione d'Interscambio sommersa, ma soprattutto la flora e la fauna marina che dominano la scena regalandoti immagini a colori di un mondo a noi ancora sconosciuto.

Devo dire che questa scrittrice ha saputo ricostruire con novizia di particolari, ed un'immaginazione assolutamente senza limiti, una realtà che lascia senza fiato, con un ritmo incalzante in un'avventura che dura un libro ed oltre.

Mi sono letteralmente innamorata del protagonista, Ty, per la sua forza di carattere, la sua maturità nonostante la sua giovane età e la sua intraprendenza; forse più che della co-protagonista Gemma, che rientra più nei canoni della classica adolescente.

Infine devo riconoscere che l'aver aggiunto l'elemento "Dono Oscuro" - e non aggiungo altro per non rovinare l'effetto sorpresa di chi si appresta a leggere questo romanzo - ha regalato un'interessante prospettiva alla narrazione degli eventi, con l'eventuale sviluppo d'infinite possibilità.

Se nel mio piccolo e secondo il mio modesto parere, Cassandra Clare e' la regina indiscussa dell'Urban Fantasy metropolitano, mi prendo la liberta' d'incoronare Kat Falls come regina dell'Ocean Fantasy del genere distopico. Lo so questa categoria non esiste, ma se ci fosse gliene sarebbe sicuramente riconosciuto il merito!

Spero di poter leggere il seguito quanto prima. Assolutamente consigliato.


Voto: 4 stelline e 1/2

9 commenti:

  1. allora, io sono molto curiosa di leggere questo libro!!
    sono sicura che anche a me piacerà!!
    complimenti per la recensione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mary...sei gentilissima come sempre!
      Si devi proprio leggerlo!!!

      Elimina
  2. Ciao, sono diventata nuova follower. Se ti va passa dal mio blog!
    http://inside-a-book.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Rosellina...passero' sicuramente!!!!

      Elimina
  3. Ottima recensione!!! Peccato che non trovo questo libro da nessuna parte...

    http://www.unlibroperdueamiche.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Questo libro mi intriga moltissimo e la tua recensione ha fomentato la mia curiosità! Il mio dubbio è se si concluda o meno...sono un po' stanca di serie che lasciano finali troppo aperti. Va bene creare delle saghe, ma se almeno i volumi fossero in un certo senso autoconclusivi sarebbe meglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Ciao Angharad...Benvenuta!!!
      Ti posso dire che il finale potrebbe definirsi auto-conclusivo - per quanto lo si possa definire tale, visto che e' gia' in stesura il secondo volume! -

      Elimina