Noi siamo fatti della stessa sostanza dei sogni... W. Shakespeare

giovedì 25 ottobre 2012

Rubrica: "Scrittori Emergenti"

HO DECISO DI DEDICARE UN ANGOLINO DEL MIO SPAZIO LETTERARIO AGLI 

"SCRITTORI EMERGENTI" 

PRESENTANDOVI IL LORO LIBRO E  - SE SONO FORTUNATA -

LA LORO INTERVISTA!


E' un po' che trascuro questa Rubrica, ma a volte il tempo sembra proprio che voli via...

Questo nuovo appuntamento e' dedicato a Michele Laurenzana, che nonostante sia al suo esordio letterario sta facendo molto parlare di sè, il suo romanzo "La Segreta Verità" e' gia' alla sua seconda edizione.
Piccolo appunto che merita di essere menzionato, almeno a mio avviso, il guadagno del libro fino al 10 luglio scorso e' stato evoluto alla Protezione Civile Italiana come piccolo contributo per la ricostruzione delle zone distrutte dal terremoto in Emilia.

di
Michele Laurenzana
Ediz. ilmiolibro.it (distribuzione Feltrinelli)
Pubblicazione: novembre 2011 - 2a edizione 1/2012
272 pagine
Ordinalo su lafeltrinelli.it al 15% (spedizione gratuita)
o direttamente qui al 30% 

"Un dramma familiare potente,
e a tratti emozionante"

CONTENUTO:

Tommaso vive una vita parallela, ma non lo sa. 
Tommaso ha una famiglia, gli studi, un lavoro, un gruppo di amici collaudati, persino l'abbozzo di una storia romantica: niente di piu' concreto, nulla di piu' comune. Eppure, progressivamente, insinuandosi nel suo solido quotidiano, presenze impercettibili, segnali apparentemente indecifrabili apriranno uno spiraglio che si rivelerà una voragine, inghiottendo la vita di Tommaso per restituirgliela carica di un nuovo significato e di una nuova speranza. 
Amore. Amicizie. Delusioni. Tradimenti e paure. 
Grandi emozioni e sentimenti entreranno spesso in contrasto e daranno origine a suggestioni inquietanti, come un effetto concentrico di destini che convoglieranno su un'unica essenziale verità. 
Quella piu' intima. La piu' inaspettata. La piu' segreta! 

"Dopotutto essere un rompiscatole, per un genitore, è normale; fa parte del pacchetto anche se probabilmente, essendoci già passati, dovrebbero mettersi più spesso nei panni del figlio, ma si sa che nessun litigio potrà mai cancellare l'affetto di una famiglia: è il primo valore che si impara a rispettare, e l'unico di cui non si può fare a meno."


L'AUTORE

Michele Laurenzana è nato a Modena nel 1983. Geometra, e laureando dell'Università Politecnica delle Marche al corso di laurea specialistica in Ingegneria Edile-Architettura.
Nel 2007 partecipa al "16th International Urban Planners Exhibition in Nis (serbia), Art Gallery Serbia" con un progetto di riqualificazione del centro cittadino di Tuzla (BHi), Bosnia - in collaborazione con l’Università di Bologna.
Nel 2008-2009 collabora, in ambito editing pubblicitario, con i Milagro (Sanremo Giovani 2008, EMI).
Nel 2009-10 ha svolto attività di tutor presso “Officine Emilia” (laboratorio sperimentale e progetto dell’Università di Modena e Reggio Emilia). Ha inoltre collaborato con le società calcistiche del Modena F.C. e del Sassuolo Calcio.
Nel marzo 2011, infine, ha vinto un concorso per il progetto di un chiosco nel Comune di San Giovanni in Persiceto (Bologna) con termine lavori, e inaugurazione, nell’estate 2012.

La Segreta Verità è il suo primo romanzo.

Questa seconda edizione e' anche acquistabile presso le librerie di Modena e Ancona, inoltre dal 14 febbraio sara' pubblicata anche a New York, e prossimamente a Roma, Milano, Torino e Firenze.

COMMENTI DEI LETTORI:

"Uno stile pulito e avvincente che coinvolge il lettore sin dalle prime pagine. Interessante trama da scoprire."
- Agneseink -

"Scorrevole, una buona lettura insomma. Complimenti"
- Laura - 
LINK UTILI:

Pagina Facebook: qui
Pagina twitter: qui
Official web site: qui

BOOK TRAILER:



INTERVISTA:

Oggi nel mio modesto spazio dedicato agli scrittori emergenti ho il piacere di ospitare Michele...Benvenuto...parlaci un po' di te!

- Dalla tua biografia ho appreso che stai per diventare un Ingegnere, un lavoro tecnico, di precisione, assolutamente diverso dallo scrivere, dove s'immaginano storie lasciando libera la fantasia. Due mondi all'apparenza opposti, ma dimmi: come collimi queste due realta', come nasce la tua passione per la scrittura?
Prima di rispondere alla tua domanda ne approfitto per ringraziarti nell’avermi proposto questa intervista.
Io sto portando a termine un lungo percorso universitario segnato da non poche distrazioni e qualche incidente di cammino; un corso di laurea che unisce la tecnica e la precisione dell’ingegnere con l’arte e la fantasia dell’architetto: è anche questo suggestivo dualismo che mi è stato di grande aiuto, e stimolo, per dare vita alla struttura de La Segreta Verità. Una passione, quella della scrittura, scoperta per caso ormai più di 10 anni fa sui banchi di scuola e che, oggi, riesco facilmente a far corrispondere con gli studi, dedicandogli parte del mio tempo libero.


- Il tuo romanzo "La Segreta Verità" sembra un romanzo di formazione, alla ricerca di se stessi, con una buona dose di mistero, puoi dirci qualcosa in piu' senza svelarci troppo?
Il mistero è certamente alla base di tutta la storia, la trama stessa è volutamente complessa e articolata seppur inizialmente pare del tutto banale. L’idea è stata quella di dare vita a un personaggio “umano”, vicino al lettore, inserendolo in contesti e in ambienti reali e abitudinari. Un mondo come tanti, ma che a un certo punto della storia inizierà a sdoppiarsi, concedendo a Tommaso (il protagonista) la possibilità di vivere una doppia natura senza che se ne renda conto (in realtà questa sensazione viene offerta anche al lettore, seppur in maniera evidente solamente nelle ultime righe del libro). A farne da cornice temi tanto attuali, quanto essenziali: l’amicizia, la famiglia, il destino. Il nascere e l’evolversi di una storia romantica con Silvia, una ragazza solare e determinata seppur con alle spalle una delicata situazione famigliare. Situazioni, queste, che spesso porteranno Tommaso in contatto con una figura misteriosa, a tratti inquietante e suggestiva, capace di condizionare le sue successive cinque giornate (tante quanti i capitoli del romanzo). Un intreccio di episodi, e indizi, nel tentativo di trasmettere una vena di tensione e di mistero, lasciando un margine di interpretazione e di libero approccio al fascino dell’ignoto.
Tuttavia il tema principale del romanzo non può essere svelato, questo rappresenta il “neo” -promozionalmente parlando- de La Segreta Verità; ma chi avrà piacere a sfogliare le pagine del libro troverà proprio nel finale l’opportunità di poter comprendere il messaggio che ho voluto trasmettere. Un lavoro complesso che ha richiesto molte revisioni della storia prima della pubblicazione, consentendo di poter disseminare nel testo i tanti piccoli tasselli che troveranno giusto incastro solamente nell’ultima pagina.

- Com'e' nata la storia per il tuo romanzo?
Da una serie di situazioni che mi hanno particolarmente segnato nel corso degli ultimi anni.
L’esigenza del dover staccare la spina ha così trovato sfogo nella scrittura, ho perciò abbandonato un po’ tutto e tutti, riuscendo a staccarmi materialmente dalla realtà. Non avevo mai portato a termine un lavoro così complesso! Ed è quel particolare e delicato momento che ho attraversato che mi ha inaspettatamente permesso di scoprire questa passione.
Ammetto che, inizialmente, è partito tutto come se stessi scrivendo un diario, poi ho pensato che trasformare quelle pagine in un vero e proprio romanzo mi avrebbe concesso un’esperienza nuova e del tutto insolita. Così è stato. Scrivere un libro ti permette di giocare a fare Dio: Tu sei il regista della Tua storia, personaggi e ambienti possono quindi essere modellati lasciando libero sfogo alla fantasia. Una sensazione davvero unica e che consiglio di sperimentare.

- Quando hai scritto la parola "fine" come ti sei sentito?
Sembrerà assurdo, ma dopo aver digitato sulla tastiera del mio portatile “Sono pronto papà!” (le ultime parole del romanzo) ho dovuto fare i conti con la realtà, cosciente del fatto che sarei tornato inevitabilmente  a vivere la vita di sempre.
Ho scritto la bozza iniziale notte e giorno, per quasi due mesi; avendo fin da subito tutta la storia in mente, la voglia di arrivare all’ultimo capitolo è stata essenziale per non smettere mai di scrivere. Giunto alla parola “fine” è stato quasi come svegliarsi da uno di quei sogni che vorresti riprendere la notte successiva, pur sapendo che così non potrà essere.

- Ho letto dal blog dedicato al libro la splendida notizia della distribuzione di alcune copie numerate del tuo libro in una libreria a Manhattan, vuoi raccontarci come "La Segreta Verità" e' sbarcata a New York?  
Per questa opportunità ho un debito di riconoscenza con Fabio T, un mio grande amico di Ancona, che mi ha proposto quest’occasione prima di partire per New York in vista di un suo periodo lavorativo a Manhattan.
La Segreta Verità è un print on demand, quindi tante le difficoltà nella distribuzione, e ti assicuro che sapere di essere esposto sugli scaffali della Shakespeare&Co è stata una delle soddisfazioni più grandi legate a quest’avventura.
Un numero limitato di copie messe in vendita, in lingua originale, terminate nel giro di quasi due settimane. E’ stato certamente un ottimo risultato che mi ha permesso di trovare quella spinta necessaria per non rinunciare alla fatica dell’autopromozione.

- Il tuo genere letterario preferito? L'autore a cui t'ispiri?
Il mio genere preferito è il thriller e uno degli autori per me più importanti nel panorama mondiale, oggi, è proprio un italiano, Donato Carrisi, che all’inizio della mia avventura con questo libro ha saputo darmi rilevanti consigli.
Ma per scrivere un thriller bisogna avere una predisposizione innaturale, e prima di tentare questa complessa strada -che molto mi attrae- ho voluto iniziare con una storia introspettiva capace di trasmettere qualche emozione a chi volesse farne parte. O per lo meno le intenzioni sono quelle. Spesso ricevo commenti e mail dalle mamme, certamente le persone più sensibili a un dramma famigliare come quello celato ne La Segreta Verità. Tuttavia il target a cui è rivolto è assolutamente giovanile dove i legami sentimentali, le difficoltà di un lavoro precario e l’avventura universitaria ne configurano l’essenza del quotidiano.
Per quanto riguarda, invece, l’ispirazione a un autore ho comunque cercato di non focalizzarmi su uno in particolare, inizialmente avevo copiato nella tecnica narrativa il grande Baricco, ho poi pensato che da esordiente non mi era concesso osare troppo.

- Entusiaste critiche ed un'ottima rassegna stampa, te l'aspettavi?
Onestamente no.
Il book on demand nasconde da sempre una vena di diffidenza (l’Italia è persino più ostile rispetto ad altri Paesi europei). Tuttavia, una volta che il libro è stato messo in vendita, e quindi disponibile per la lettura da chiunque l’avesse voluto,  è iniziata la vera sfida sul suo potenziale valore. Quando scopri che c’è chi ti dedica spazio sai di aver raggiunto un obiettivo, e questo si trasforma nel miglior incoraggiamento che possa arrivarti. Per altro la maggior parte dei lettori, prima di acquistare un libro, cercano in rete recensioni e commenti. Articoli e rassegne che compaiono su blog e giornali rappresentano, così, il vero risultato di un lavoro di auto-promozione iniziato nel novembre del 2011 (data di uscita del romanzo), un’opportunità che può solo aiutarmi nel dare credibilità al romanzo.
Ammetto che mi diverto a cercare in rete quello che viene scritto a riguardo, sono molto critico con me stesso e, per questo, preferisco approfondire su eventuali stroncature: sono totalmente formative e capaci di darti spunti di riflessione utili per migliorarsi.
Il manoscritto, una volta terminato, è stato letto dalla mia professoressa d’italiano delle superiori, da amici appassionati alla lettura e da gente fidata. Ognuno è così diventato in prima persona, mano a mano, editor del romanzo. I loro consigli, le loro osservazioni e loro impressioni (anche negative) sono state essenziali per avvicinare ancora di più La Segreta Verità a chi, questa storia, sarebbe poi concretamente arrivata: il lettore.

- Devo chiedertelo, come mai hai optato per l'auto-pubblicazione? Cosa ne pensi appunto, della pubblicazione on-demand?
Scelta assolutamente non facile. Inutile girarci attorno.
Ho iniziato contattando i grandi editori, quasi per scherzo, inviando solo un estratto del manoscritto allegato ad una breve sinossi e al mio curriculum, curandone nel minimo dettaglio l’aspetto grafico. A sorpresa ho quasi subito ricevuto la disponibilità ad una prima lettura da parte di due editor delle più importanti case editrici italiane, mi hanno infatti ricontattato per farsi inviare l’intero file, potendolo così leggere integralmente. Dopo poche settimane mi hanno riferito che i loro responsabili della narrativa, per il momento, non erano intenzionati alla pubblicazione. Sorpreso, credevo che se due colossi si fossero comunque interessati, con case editrici più piccole sarebbe stato perlomeno più semplice.
In parte così è stato, ma spesso si trattava di “editoria a pagamento”; altre mi hanno invece proposto contratti poco chiari e che ho voluto rifiutare per evitare di dover sostenere spese che preferivo evitare.
Dopo un anno ho deciso di fare tutto da solo e di optare per ilmiolibro.it: servizio dell’Editoriale l’Espresso, che già conoscevo. Oggi sono distribuito da laFeltrinelli.it, quindi l’ordine può essere effettuato online o in un qualsiasi store Feltrinelli d’Italia. 
Questa scelta non è stata semplice, l’auto-pubblicazione un po’ spaventa e i lettori spesso la vedono come una “mancata garanzia sulla qualità del prodotto”.
Alcuni dei libri che ho avuto modo di leggere in vendita sul mio libro.it, tuttavia, credo superino in qualità tanti titoli pubblicati da case editrici importanti, e in vendita sugli scaffali di tutte le librerie. Fondamentale, dal mio punto di vista, è il non illudersi di diventare ricco con il print on demand: quindi prezzo di vendita relativamente basso e sfruttare questa possibilità col puro scopo promozionale di se stessi.
Inoltre vedo che molti si vergognano dell’auto-pubblicazione. Io ne ho fatto fin da subito un vanto, nel senso che ho sempre detto le cose come stavano, senza timore, sarà poi la gente a scegliere. Il mio scopo, non volendo investire soldi nell’utilissimo lavoro di una valida Agenzia Letteraria, è così diventato quello di superare la cerchia degli amici a “costo zero”. Mi sono creato da solo un sito con un dominio gratuito  (www.lasegretaverita.tk), ho aperto un blog (www.lasegretaverita.blogpsot.com), ho realizzato assieme a Mario Capasso il primo booktrailer aprendo un canale YouTube che ormai, con i vari video dedicati, ha superato le 15.000 visualizzazioni. Fondamentali Facebook e Twitter dove oltre 3.000 persone seguono e interagiscono con le pagine. Un lavoro che richiede una fatica non indifferente.
Tuttavia, questo, mi ha permesso di vedere arrivare il libro anche sul comodino di Francesco Mandelli, Paolo Cevoli, Paolo Genovese e MANU LJ, per altro gradita ospite dell’ultima presentazione del romanzo che si è tenuta a Modena il 10 Settembre, organizzata dal Comune col supporto di importanti sponsor.

- Il tuo sogno nel cassetto?
Inevitabilmente trovare fiducia in una vera casa editrice.
Quindi poter finalmente vedere La Segreta Verità esposta sugli scaffali delle librerie, senza doverla necessariamente ordinare.

- Infine la domanda di rito: i tuoi progetti per il futuro?
Ora si sta lavorando alla traduzione del romanzo in inglese e in cinese volendo proporre il romanzo, in formato e-book, nel mercato estero. Un grosso lavoro che spero possa concretizzarsi quanto prima.
Il 12.12.12, tuttavia, La Segreta Verità sarà disponibile anche in formato digitale su Amazon (in lingua originale), e per promuovere questa nuova scommessa entrerà in gioco il mio secondo romanzo, del tutto particolare e ispirato a una storia vera che ha trovato poco spazio sulla stampa nazionale. Un thriller psicologico, riservato ad un pubblico adulto, che sto sviluppando con l’aiuto di uno psicologo esperto in ipnosi regressiva e di un giovane prete  che mi sta permettendo di conoscere più da vicino alcuni aspetti delicati legati alla fede e ad eventi certamente discutibili. Una sfida assolutamente non semplice, ma che mi sta incuriosendo ed appassionando. Non ti anticipo altro se non che sarà distribuito a “puntate”, gratuitamente, a capitoli periodici in formato digitale, in contemporanea all’uscita della versione e-book de La Segreta Verità.

Grazie per ave accettato il mio invito...e' stato un piacere...in bocca al lupo per tutto!



2 commenti:

  1. appena preso su Amazon!!
    Il prezzo è buono, le recnsioni anche.. SONO CURIOSA DI LEGGERLO. stasera inizio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora aspetto la tua opinione dopo che l'avrai letto!!!
      ^_^

      Elimina