Noi siamo fatti della stessa sostanza dei sogni... W. Shakespeare

sabato 27 aprile 2019

Recensione: "Oltre il Bosco"

Romanzo d’esordio di Melissa Albert, Oltre il bosco è un Bestseller internazionale in corso di pubblicazione in 16 paesi, nella top ten della classifica Young Adult del New York Times. 
I diritti cinematografici sono stati acquisiti dalla Columbia Pictures, che ne ha affidato l’adattamento ai produttori di Divergent
Il secondo capitolo "The Night Country" è previsto negli States a gennaio 2020.

"OLTRE IL BOSCO"



dMelissa Albert
Editore: Rizzoli
Pubblicazione: 12 febbraio  2019
330 pag.
Prezzo: 17,00 euro

CONTENUTO: 

Alice non ha mai avuto una casa. Da sempre, lei e la madre Ella sono perennemente in fuga, perennemente in cerca di qualcuno che le ospiti per sfuggire alla sfortuna nera che le perseguita. Sullo sfondo la figura affascinante della nonna, Althea Proserpine, che Alice non ha mai conosciuto e che Ella non vuole nemmeno nominare: misteriosa e seducente autrice di una raccolta di racconti neri fuori catalogo ma ricercatissimi dai collezionisti, vive da anni reclusa ad Hazel Wood, una villa celata in mezzo a un bosco ignoto, sfuggendo alla curiosità dei fan. Quando Ella viene rapita, ad Alice non resta che andare alla disperata ricerca di dove sia Hazel Wood.

RECENSIONE:


Wow! 
Beh iniziare una recensione in questo modo è alquanto inusuale ma ho appena letto l'ultima pagina di questo libro e credetemi è stata la prima parola che mi è venuta in mente. 
Avevo letto ovviamente la trama e il mio radar da lettura interessante si era subito acceso ma mai mi sarei aspettata una storia così unica, decisamente un incredibile viaggio verso l'ignoto e oltre.
Si parla di favole ma se vi aspettate lo stile zuccheroso e melenso del vissero felice e contenti - alla Disney per capirci - non è il romanzo che state cercando. 
Per quanto mi riguarda invece, da sempre restia a lasciarmi incantare dalle storie con il lieto fine, ho trovato finalmente pane per i miei denti.
Una fiaba dark allo stato puro, che arriva a sfiorare anche tinte horror in diversi punti del suo percorso.  A tratti adrenalinico con colpi di scena inaspettati, crudo e spaventoso, mi ricorda le originali favole dei fratelli Grimm, prima di essere rivisitate nella versione infiocchettata della Disney.
Non c'è niente di certo eccezion fatta per l'assoluta, incontrovertibile verità che nel mondo delle fiabe c'è sempre un "prezzo da pagare"...ed è sempre molto alto.
Una scrittura minuziosa, evocativa e densa di dettagli che ti apre una finestra in questa realtà luccicante, ammaliatrice oltre ogni aspettativa ma che ai margini del sogno nasconde denti aguzzi pronti a sbranarti. 
Ed è proprio questo che ti tiene incollato alle pagine, insieme al forte, crescente desiderio di scoprire come andrà a finire. 
Lo sentì a pelle che una volta girata l'ultima pagina non guarderai mai più ad un libro di favole con gli stessi occhi. Ma va bene così perché in fin dei conti neanche la vita ci va piano quindi perché mai nelle favole dovrebbe essere diverso. 
La fine non è esattamente quello che immaginavo o speravo, ma del resto l'intero libro non lo è stato quindi niente da obiettare.
Questo romanzo si annovera - almeno secondo il mio modesto giudizio - tra le storie da leggere con la luce accesa, se sapete a cosa mi riferisco.
Dunque se siete poco impressionabili e alla ricerca di un racconto da brivido "Oltre il Bosco" di Melissa Albert è proprio quello che fa per voi!


Voto: 4 stelline


2 commenti: